Investire nell’oro: Quali possibilità ci sono?

Investire in oro

Fin dai tempi antichi, l’oro è sempre stato considerato come un bene di grandissimo valore: la storia già lasciato tantissime testimonianze di come questo metallo fosse usato per la costruzione di statue, monili, utensili, destinati a personaggi facoltosi, come simbolo della loro ricchezza.

Nel corso dei secoli, l’oro fu utilizzato come moneta, fino alla prima metà del novecento, un particolare periodo caratterizzato da incertezza e instabilità. Alla vigilia della fine della Seconda guerra mondiale, per iniziativa degli Stati Uniti, i rappresentati di 44 nazioni si riunirono a Bretton Woods dando vita al Fondo Monetario Internazionale. In tale occasione il prezzo dell’oro fu fissato a 35 dollari l’oncia e gli Stati Uniti s’impegnarono a comprarlo a quel prezzo e rivenderlo solamente alle Banche Centrali.

Nasceva il Gold Exchange Standard, basato su un cambio fisso tra le valute, correlate al dollaro il cui valore era determinato dal prezzo dell’oro. Negli anni 70, in seguito alla crisi economica degli Stati Uniti, impegnati nella guerra con il Vietnam, gli investitori smisero di scambiare il proprio oro. In questa occasione l’oro assunse per la prima volta la caratteristica di bene rifugio.

Il 15 agosto del 1971, Richard Nixon, annuncia in diretta televisiva la soppressione della convertibilità del dollaro in oro, mettendo fine agli accordi Bretton Woods. Da quel momento in poi i tassi di cambio valutari furono liberi di fluttuare, in relazione agli equilibri di domanda e offerta, nasceva il mercato più liquido del mondo: il Forex.

Siamo arrivati al sistema monetario tuttora in corso, basato sul debito, ma gli Stati non hanno liquidato la propria riserva aurea, in quanto sono perfettamente consapevoli del valore intrinseco dell’oro. Addirittura quando una nazione chiede un prestito ad un altro Stato, deve fornire una garanzia in oro…

Sui mercati finanziari, l’oro è negativamente correlato ad assets ad alto rendimento, come i titoli azionari, strumenti che necessitano l’accettazione di un’elevata dose di rischio, che nei momenti di ristagno possono subire dei ridimensionamenti molto considerevoli. In questi periodi, l’oro, per la sua natura di bene rifugio, aumenta considerevolmente il suo valore. Possiamo vedere dal grafico sottostante come la quotazione sia aumentata con forza tra il 2008 e il 2011, in piena crisi economica mondiale.

quotazione oro negli ultimi dieci anni

Oltre che in campo economico, l’oro trova un fortissimo riscontro nel settore industriale grazie alle sue caratteristiche di conducibilità, la maggior parte della tecnologia che usiamo quotidianamente, utilizza dei componenti in oro, potete verificarlo tranquillamente smontando la batteria del vostro telefonino e osservare i pin di collegamento, placcati in oro.

A questo punto credo che siamo tutti d’accordo che l’oro ha un valore nettamente superiore a quello dei soldi, che non sono altro che fogli di carta. Bene, ma come possiamo garantirci una rendita con questo straordinario metallo ?

Io scarterei l’ipotesi di procurarsi rottami di computer, telefonini e videocamere per estrarre l’oro utilizzato nei componenti, il procedimento è possibile e se il discorso v’interessa, potete guardare questo video dove il famoso Youtuber Rulof spiega come effettuare l’operazione. Il problema è la tossicità degli acidi utilizzati e lo smaltimento degli scarti di lavorazione.

Un’altra possibilità è rappresentata dai piani accumulo oro da investimento, una materia regolata dalla legge 7 del 2000, che permette a chiunque di acquistare oro da investimento, anche all’estero, eliminando il monopolio della Banca d’Italia. Attualmente esistono molte società di network marketing che permettono di acquistare loro con un fortissimo sconto, aderendo al piano di marketing che sostanzialmente consiste nell’introduzione di due o più affiliati all’interno del programma. Tanto per fare qualche nome possiamo citare Emgoldex, Goldbex e Swissgolden.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

*