Mutuo al 100%, è possibile?

Mutuo del 100% sul prezzo di vendita della casa

Il sogno di una vita sta per realizzarsi, comprare casa. L’abbiamo cercata a lungo, avevamo bene in mente come doveva essere e finalmente ora l’abbiamo trovata: la nostra casa. È bellissima, ecco dove invecchieremo assieme ai nostri cari, dove cresceremo i nostri figli, dove trascorreremo i momenti più importanti e significativi della nostra vita.

Sì, non c’è alcun dubbio: sarà nostra. Ovviamente, sempre se riusciremo ad accendere un mutuo in banca. Ma, quanto denaro possiamo chiedere? Quale somma ci può essere erogata dalla banca? E se non possiamo permetterci un anticipo, c’è possibilità che il mutuo copra l’intera spesa dell’immobile, oppure stiamo solo fantasticando? E se è possibile, a quali condizioni? Cerchiamo di capirci qualcosa.

Ottenere un finanziamento per un mutuo, oggi come oggi, non è semplice: bisogna avere un lavoro stabile, in alcuni casi presentare maggiori garanzie (come dei garanti in grado, appunto, di garantire per noi in caso di una nostra inadempienza) e chiaramente dipende anche dalla cifra di cui abbiamo bisogno.

Considerati i prezzi di mercato, il costo di una casa non è certo un tipo di spesa che tutti possono permettersi a cuor leggero e sono sempre di più le persone che necessitano di un aiuto da parte degli istituti di credito per far fronte a una simile richiesta.

La forte crisi economica mondiale ed europea ha contribuito a peggiorare la situazione: oggi giorno sono sempre di più i giovani a non potersi permettere di coprire neanche le spese iniziali nell’acquisto di un immobile. Data questa crescente necessità anche le banche si sono dovute adeguare per continuare ad erogare mutui. E così sono sempre più frequenti situazioni di mutui erogati per il 100% del valore della casa.

Quali sono i passaggi per richiedere un mutuo? Le fasi di approvazione sono cinque:

  • la presentazione de documenti richiesti all’istituto di credito, per la valutazione della propria situazione economica presente e futura e il calcolo del rischio che l’istituto dovrebbe assumersi (documenti della persona, come carta d’identità, codice fiscale, busta paga, estratti conto, etc. e documenti relativi all’immobile in oggetto, come le fotocopie dell’atto di provenienza e del compromesso)
  • valutazione della documentazione da parte dell’istituto di credito e parere preliminare di fattibilità (che dipende del reddito, dal valore dell’immobile e dalla presenza di garanzie di terzi)
  • approvazione della pratica e avvio dell’istruttoria (in questa fase l’istituto di credito verifica la capacità di credito del richiedente – è quindi necessario dimostrare di essere in grado di restituire la somma concessa in prestito – e grazie all’aiuto di un perito verificherà il valore dell’immobile su cui verrà iscritta l’ipoteca)
  • appuntamento con il notaio (per l’ottenimento della dichiarazione notarile preliminare)
  • erogazione del mutuo (in caso di esito positivo, in genere ci saranno comunque da aspettare 30 giorni)

Ma, è davvero possibile ottenere un finanziamento pari all’intero valore della casa? In teoria no. In merito il Testo Unico delle leggi bancarie parla chiaro: per un mutuo il massimo concedibile e finanziabile è pari all’80% del valore dell’immobile.

In pratica, però, la Banca d’Italia ha predisposto un dispositivo che concede una deroga a questa legge: è infatti possibile arrivare a finanziare il 100% a fronte di maggiori garanzie.

Questo, inoltre, comporta anche maggiori costi per il richiedente. E quali sono queste garanzie? Le maggiori spese riguardano l’obbligo di una copertura assicurativa per il restante 20% a garanzia dell’extra esposizione della banca o istituto di credito.

È un aggravio di costi per l’utente finale (chi compra casa), ma spesso è anche l’unica possibilità che hanno le giovani coppie che intendono mettere su famiglia e non hanno soldi da parte.

Quindi, ricapitolando, non possiamo affermare che esistano veri e propri mutui concessi al 100% del valore dell’immobile che vogliamo acquistare, ma esistono comunque soluzioni alternative in grado di coprire l’intera somma, che come abbiamo visto si compongono di un mutuo per l’80% del valore, più una polizza assicurativa a copertura del rimanente 20%.

La durata del mutuo (ad esempio 20 o 30 anni) e i tassi (come fisso o variabile) possono essere scelti tra le varie tipologie disponibili come per i normali mutui all’80%.

Attenzione però: cosa si intende per il 100% del valore della casa? Significa che il finanziamento per l’intero valore dell’immobile riguarderà solo la spesa dell’acquisto della casa: saranno escluse le eventuali spese di ristrutturazione e l’acquisto dei mobili. Quindi, se disponete di qualche piccolo risparmio, teneteli da parte per le spese extra che comunque non potranno essere conteggiate nel computo del finanziamento concesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

*